la bici

Tiziano non guida, non ha mai preso la patente, dice che l’auto è un’invenzione che non gli è mai piaciuta;
non è che ne faccia una questione ecologica, non gli piace proprio chiudercisi dentro.
Che poi, io, gli ho sempre replicato che anche nel treno, o nell’autobus, ti ci chiudi dentro e che con l’auto, invece, non hai questioni di orario o di percorsi da rispettare.
Lui ha sempre risposto che anche la bici la puoi inforcare quando ti pare e andare dove vuoi, spesso anche in posti in cui con l’auto non riesci ad andarci.
Però se piove…
Tant’è, lui va in giro in bici, e sui lunghi tragitti, treno o autobus, che dice così è libero di pensare e di guardarsi intorno, che guardarsi intorno, aggiunge, mentre stai viaggiando, è importante.
Tiziano, sul muro della cantina, nella posizione in cui appoggia la bicicletta, ha scritto:

“Spingi sui pedali
ed è quasi come ti spuntassero le ali;
ogni volta un cambio di prospettiva,
quando monti in sella”

Advertisements
Standard

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s